Libroarbitrio

“UN MILIONE DI SBAGLI” IL PRIMO SINGOLO DI VALERYE DISPONIBILE DA OGGI SU TUTTE LE PIATTAFORME DIGITALI!

WhatsApp Image 2019-06-24 at 17.25.04.jpeg
Un milione di Sbagli
il singolo di esordio di Valerye è finalmente disponibile da oggi su tutte le piattaforme digitali
(Spotify, Apple Music, Youtube, ecc..)
 
“Diamo un senso a questo tempo che sfugge lento” 
 
Recita lo special di questo brano ed è il riassunto del messaggio che la cantante vuole lanciare: “Il tempo che abbiamo a disposizione non è molto, se perdiamo giorni e minuti preziosi potremmo permettere alle cose che contano davvero di sfuggire e non tornare più.”
 
Il brano è di genere popfresco e con un arrangiamento accattivante, decisamente al passo con i tempi.
 
Il videoclip racconta la staticità di una persona che è costretta a lavorare in un ufficio asettico, che non rispecchia  la sua personalità di artista, che vorrebbe scoppiare nel mondo della musica ma è costretta a guardare in faccia la realtà e a tornare con i piedi per terra ogni giorno. Quando i colori dell’arte sono più forti della maschera che si deve indossare obbligatoriamente, prima o poi .
esplodono e vengono fuori. La determinazione è tutto e quando si tratta di scelte, di felicità, di musica, è fondamentale.
 

Valeria Papaleo, in arte Valerye, è nata a Roma il 22/0/02/1986. In adolescenza entra a far parte, come contralto-mezzosoprano,
di un coro polifonico chiamato “Diapason” diretto dal Maestro Fabio De Angelis, partecipa a diversi concorsi e rassegne canore con la formazione, fra cui uno anche presso l’Auditorium Parco della Musica che venne vinto grazie ad un arrangiamento di “in fondo al mar” dalla Sirenetta della Disney. Studia canto dall’età di 17 anni e non ha mai smesso. Ha seguito master e studi con professionisti del mondo della musica: David Forti, Alice Viola, Mimma Pisto, Roberto Casalino, Andrea Avena e Arianna Todero. Attualmente sta lavorando a diversi progetti musicali, tra cui il suo primo EP.

GUARDA IL VIDEOCLIP DEL BRANO:

 

 

 

 

 

Valerye è disponibile per interviste radiofoniche, articoli e live.

 

Manager: Sara Colonnelli
Contatti: 3920232625 – 3338628479
Fb: Sara Colonnelli – La Kol
Email: valeryestaff@gmail.com – sara.colonnelli@hotmail.com

Annunci
365 giorni, Libroarbitrio

Vivian Lamarque la poetessa di grazia ingenua (ultima parte)

Roma 14 ottobre 2013

Vivian Lamarque è nata nel 1946 a Tesero, un paesino della Val di Fiemme, in provincia di Trento, ma dall’età di nove anni vive  a Milano.

Negli anni Settanta ha pubblicato poesie su varie riviste come “Paragone”, “Nuovi argomenti”, “I Quaderni della Fenice Guanda”.

A partire dagli anni Ottanta sono uscite presso varie case editrici le sue raccolte poetiche: Teresino (1981), Il signore d’oro (1986), Poesie dando del lei (1989), Una quiete polvere (1996).

Vivian Lamarque  ha curato inoltre la traduzione di poeti francesi quali Prévert e Valéry ed è autrice di ninne nanne e fiabe.

Il poeta e critico Giovanni Raboni presenta la poetessa ai lettori della rivista “Paragone” con queste parole:

“…di assolutamente suo, e abbastanza raro, la Lamarque ha questa grazia, questa ingenuità di scrivere poesie come se si trattasse di scrivere un gesto che non ha nulla a che fare con la letteratura”.

Vivian Lamarque

Lontano, in una casa assolata, pigro e paziente, aspettando di essere trovato , in un angolino, il signore d’oro luccicava. 

Vivian Lamarque

A domani

LL