365 giorni, Libroarbitrio

Filastrocca del cadere e rialzarsi – Vivian Lamarque

Bambini

Era così pulito il cielo tutt’intorno
che strano dicevano i rami
è più leggera l’aria e il nido meno nero.

Ma sotto cadevano vecchini come foglie
uno le sue gialle per vergogna nascondeva
le tingeva di verde le legava strette al ramo
come bambine paurose a una grande mano.

O infanzia nostra e del mondo, se cadevamo,
un cerotto un bacio e via ci rialzavamo.
Le parole erano nuove, si baciavano in rima,
era il primo tempo, il tempo d’oro del Prima.
(camminavamo, cammineremo, ci rialzeremo).

 

Può la poesia dialogare con il presente?
Questa la domanda posta da la Lettura,
la poesia sopra è la risposta della poetessa Vivian Lamarque

365 giorni, Libroarbitrio

Vivian Lamarque la poetessa di grazia ingenua (seconda parte)

Roma 13 ottobre 2013

Il signore andato via

Era un signore andato via.

A lei qui rimasta tantissimo mancava.

La traccia  da lui lasciata segnava ovunque

                                                                                           intorno a lei  l’aria.

Come un quadro spostato per sempre segna la parete.

Il signore del sonno

A ogni inizio di notte gli inviava pensieri,  adeguati

                                                                           all’ora del silenzio e dei baci.

E gli adeguati pensieri, di tetto in tetto scivolando,

                                      a lui quasi preso dal sonno giungevano, appena

                                                                   appena in tempo, quasi in ritardo.

A domani

LL