365 giorni, Libroarbitrio

COMA – GEMITAIZ

 

 

All the ringing alarms screaming all over
You know how to release all your doubts
And wake up from coma
And all the wandering charms drive you sober
Untie the rope ‘round your arms and fly away

Dicono che parlarsi fa bene
Però le parole fanno male
No, non mi taglio le vene e neanche vado in ospedale
Faccio un giro nel freddo glaciale
Questa felpa forse mi basta
E se inizia il temporale, posso sempre mettere le mani in tasca
E chi se ne frega se il ponte non regge, mi faccio un bel volo
Tranquillo che ci vediamo a Novembre sotto quei palazzi
Come sempre
Quante volte c’hai provato, tu davvero c’hai provato?
A lasciare l’isolato? (Eh?)
Mo’ stai seduto composto
Perché non ti hanno mai detto che il mondo è nostro
All the ringing alarms screaming all over
You know how to release all your doubts
And wake up from coma
And all the wandering charms drive you sober
Untie the rope ‘round your arms and fly away
Salgo sopra un aeroplano e aspetto che l’ala prenda fuoco
Per me non c’è niente di strano, per te di sensato c’è poco
Hai mai fatto i chilometri a nuoto?
Sei mai andato dove non dovevi?
Se hai vissuto cose belle, sai pure quanto sono brevi
E ho scavalcato, ho corso forte contro un destino col fucile
Ma mi ha mancato (Ah)
E adesso sto senza fissa dimora
Con lei che mi fissa da un’ora
Che qualcuno ammetta quanto la paura ci distrugge a tutti
Senza senso, crea quelle tre parole:
Poteva essere diverso

Annunci
365 giorni, Libroarbitrio

“Io sono uno” Luigi Tenco

J.Ruther

Io sono uno
che parla troppo poco,
questo è vero
ma nel mondo c’è già tanta gente
che parla, parla, parla sempre
che pretende di farsi sentire
e non ha niente da dire.

Io sono uno
che non nasconde le sue idee,
questo è vero
perché non mi piacciono quelli
che vogliono andar d’accordo con tutti
e che cambiano ogni volta bandiera
per tirare a campare.

Io sono uno
che parla troppo poco,
questo è vero…

365 giorni, Libroarbitrio

Mademoiselle Anne

Bam, ba-bam, ba-bam, ba-bam
baa-ba-bam (la-la-la) ba-bam (la-la-la), 
ba-bam (la-la-la), ba-bam (la-la-la)

Il Fujiyama vegliava 
su di me, 
sui miei pensieri riflessi 
in un bicchiere di profumato the 
che c’è 
sotto i mandorli in fiore. 

Guardavo il cielo pensando
cercherò 
un piccolissimo mondo 
tutto mio, dove io sarò io, 
e tu, 
disegnerai dentro il blu la mia via.

Mademoiselle, mademoiselle Anne, 
Mademoiselle, mademoiselle Anne, 
Mademoiselle, mademoiselle Anne, 
Mademoiselle, mademoiselle Anne! 

           (la-la-la) ba-bam (la-la-la), 
ba-bam (la-la-la), ba-bam (la-la-la)

Il dolce sole d’oriente 
non mi dà, 
di ciò che voglio più niente, 
nell’acqua chiara non mi rifletto più 
perché 
sogno nuovi orizzonti per me. 

Si alza il vento a ponente, 
soffia già 
la profumata e inebriante 
mia realtà, sento la libertà 
che c’è 
in una rondine che se ne va. 

Mademoiselle, mademoiselle Anne, 
Mademoiselle, mademoiselle Anne, 
Mademoiselle, mademoiselle Anne, 
Mademoiselle, mademoiselle Anne! 

Bam, ba-bam, ba-bam, ba-bam
baa-ba-bam (la-la-la), ba-bam (la-la-la), 
ba-bam (la-la-la), ba-bam (la-la-la)