365 giorni, Libroarbitrio

La scrittura privata: Virginia Woolf attendendo il Diario di una scrittrice (seconda parte)

Roma 23 ottobre 2013

Diario di una scrittrice

Virginia Woolf (2)

“un buon esercizio”

Moltissimi scrittori, artisti, letterati, hanno scritto diari durante la loro vita: alcuni già con lo scopo di pubblicarli, altri come forma di comunicazione con se stessi, come mezzo di riflessione e introspezione .

Tra questi ultimi Virginia Woolf.

La grande scrittrice inglese ha lasciato 26 quaderni manoscritti, centinaia e centinaia di pagine di diario, riguardanti la sua vita personale dal 1915 al 1941, fino a quattro giorni prima del suo tragico suicidio.

Lei stessa ebbe modo di scrivere: “Se morissi che ne farebbe Leo? Bruciarli gli spiacerebbe, e non potrebbe pubblicarli. Be’ ne ricavi un libro e bruci il resto”.

E a dodici anni dalla morte di Virginia, il marito, Leonard Woolf, nel 1953 pubblicò appunto il Diario di una scrittrice, scegliendo le pagine che gli erano sembrate più interessanti.

Il diario è un documento umano ricchissimo ed efficace sia nelle pagine di introspezione, sia in quelle della rappresentazione dei luoghi e delle persone amati dalla scrittrice.

E’ anche interessante per l’uso che la scrittrice ne fece come “ laboratorio di scrittura” e come mezzo per mettere alla prova continuamente le proprie capacità tecniche.

La rilettura periodica dei quaderni fu poi giudicata dalla Woolf un necessario strumento di autocritica, con il quale le diveniva possibile giudicare il suo modo di scrivere.

Di seguito alcune righe del suo diario inerenti proprio a questo aspetto ovvero il suo essere uno strumento di dialogo critico dell’artista con se stessa:

 

“Lunedì, 2o gennaio 1919

 Mi propongo di ricopiare tutto questo quando potrò comperare un quaderno ; ometto quindi gli ornati che convengono all’anno nuovo. Non è il denaro che mi manca questa volta, ma la forza, dopo quindici giorni a letto, di fare il tragitto sino a Fleet Street. Sento persino i muscoli della mano destra come devono sentirli le domestiche. Abbastanza curiosamente, provo lo stesso impaccio nel manipolare periodi, benché a rigor di logica, dovrei essere meglio attrezzata, mentalmente, di quanto non lo fossi un mese fa.”

Buona lettura

A domani

LL

Annunci