365 giorni, Libroarbitrio

Rerum vulgarium fragmenta

Roma 17 febbraio 2013

Francesco Petrarca
Rerum vulgarium fragmenta
Canzoniere IV

   Oimè il bel viso, oimè il soave sguardo,

oimè il leggiadro portamento altero;

oimè il parlar ch’ogni aspro ingegno et fero

facevi humile, ed ogni huom vil gagliardo!

   et oimè il dolce riso, onde uscìo ‘l dardo

di che morte, altro bene omai non spero:

alma real, dignissima d’impero,

se non fossi fra noi scesa sì tardo!

   Per voi conven ch’io arda, e ‘n voi respire,

ch’i’ pur fui vostro; et se di voi son privo,

via man d’ogni sventura altra mi dole.

   Di speranza m’empieste et di desire,

quand’io partì’ dal sommo piacer vivo;

ma ‘l vento ne portava le parole.