Muto – Andrew Faber

Non ti ho dimenticato, e vedi, non ti sto cercando, perché so che non ti troverei, e mal sopporto di girarmi,  per andare via, e mal sopporto la lontananza delle stelle, rimanere ad osservare per ore, e poi, raccogliere soltanto una scia. Non ti ho dimenticato, e vedi, non ti sto cercando, perché so che […]

SORRIDI – GIANLUCA PAVIA

Sorridi. Ti sputeranno in volto spezzeranno il cuore e magari un paio d’ossa, tu sorridi sempre. Ti chiameranno pazzo se ritieni schiavitù lavorare 8 ore per pagare l’affitto, e quando spiegherai le tue ragioni, una calibro nove dritto in mezzo agli occhi. Tu, sorridi è la tua arma più letale, disarmante su questa terra calpestata […]

VOGLIO – Gianluca Pavia

Voglio saturarmi gli occhi dell’intero possibile, l’overdose mistica di un pendolo sfuggente tra l’uragano e l’arcobaleno, tra asfalto e nuvole e pioggia acida dentro un bicchiere. Cogliere ogni frutto, purché proibito, giocare con il libero arbitrio e scottarmi le dita come un bambino. Le rughe di un vecchio il canto di un folle la stretta […]

IL CANNIBALIBRO – POKER D’INCUBI – DUEDIRIPICCA

  Ho fame, fame, fame. Non una fame come tutte le altre, no. Una fame viscerale, insaziabile, inappagabile visti i tempi che sfrecciano. Mangio, tracanno, divoro libri, più di un topo di biblioteca. Un cannibalibro, ecco cosa sono. Mastico, sminuzzo e inghiotto pagine. Azzanno copertine, risucchio poesie, bevo inchiostro. Non ci posso fare nulla, è […]

L’ASFALTO CORRE SVELTO SOTTO I PIEDI – Gianluca Pavia

L’asfalto corre svelto sotto i piedi cambiano gli alberghi tutti diversi tutti con gli stessi orologi alle pareti cambia il mio volto riflesso negli specchi cambia il naso cambiano i capelli e penso alla vita come a una partita quotata un’incognita e la fissa, penso che non sia un caso se il Caso ha estratto […]

INVIDIA BELLA DONNA – Gianluca Pavia

    Quanto invidio questi grandi artisti che ci spiegano la vita, la strada, i vicoli bui con i loro versi illuminanti da attici in centro ben illuminati. Già, invidio la dimestichezza dei loro flussi di coscienza a cantarci di ribellione e anticonformismo al ritmo di 180 battute per post, il loro vivere dello scrivere, […]

Sirena sullo scoglio – Nicolino Pompa (Paladino Sghembo)

Sirena sullo scoglio, che tu mi creda o no, sei bella, da cantare ed io ti canterò. Verranno, i marinai: chi, per morirti accanto d’inappagato amore chi, bello come un santo, a dilaniarti il cuore. Ma io non cesserò, con il mio canto, d’istigarti al sorriso, o di addolcirti il pianto.

CON CALMA – Gianluca Pavia

Ti prego getta via l’abito e quelle collane, vestiti appena della tua essenza. Tieni su giusto i tacchi e tutto il resto fuori da questa stanza, dal nostro mondo nel mondo. Confondiamoci l’uno nell’altra, a volto scoperto e mani libere, per toccarci, annusarci. E poi sfilati anche i tacchi, ma con calma. Gianluca Pavia DuediRipicca

UN, DU E TRE – Gianluca Pavia

Un, du e tre un, due, è bello ballare con la morte casqué e sfiorarle il viso così dolce. Non è per niente brutta come dicono, ha solo l’aspetto delle occasioni perse. Un, due passo di lato, labbra mai baciate scuse accampate passi che seguon passi che non hai seguito perché diretti troppo lontano. E’ […]

TRACCE – Gianluca Pavia

  La traccia che lasciamo dietro di noi, la nostra impronta, è fatta solo di sangue e sperma? Macerie e buste di plastica? Tutto quello che abbandoniamo quando ci vengono a prendere è solo morte in potenza, come un vizio è dipendenza e ogni bacio uno schiaffo? Resteranno solo foto e ricordi sbiaditi, magari qualche […]