365 giorni, Libroarbitrio

IGNORA GLI OCCHI MIEI – ANTONIO CONTE


Grazie Antonio Conte artista popolare per questa bellissima illustrazione omaggio alla poesia di Lié Larousse, che va ad aggiungersi agli altri lavori di disegno a pastello acquerellato ispirati alla poesia, e alle nostre poesie ispirate alla sua pittura .

🍻 DuediRipicca 🍻

Annunci
365 giorni, Libroarbitrio

La poesia nel XIX secolo (parte prima)

Roma 9 giugno 2013

Come stiamo studiando in questi giorni, l’Ottocento europeo fu un secolo molto complesso e articolato nei suoi aspetti politici, sociali e culturali. L’ottimistica fede illuministica di migliorare il mondo, dopo il fallimento della Rivoluzione francese e la reazione restauratrice delle monarchie europee, cedette il posto alla delusione e allo scoraggiamento.

L’individuo si contrappose alla società, che sentiva nemica, e si rifugiò in un mondo intimo e privato.

Il Romanticismo fu il vasto movimento di idee che nella prima metà dell’Ottocento interpretò queste inquietudini.

Sorto in Germania per esaltare l’anima nazionale tedesca contro il predominio della cultura francese illuministica e classicheggiante, si diffuse con aspetti diversi in tutta l’Europa. Suoi caratteri fondamentali furono il culto del sentimento e delle passioni contro il razionalismo, la religiosità concreta contro l’ateismo, la ricerca delle tradizioni dei singoli popoli contro il cosmopolitismo.

La poesia romantica fu il campo privilegiato del sentimento spontaneo, del mistero, dell’irrequietezza. Sintomatiche di un  disagio e di una ricerca di nuovi valori, le vite dei poeti furono in genere travagliate, disordinate e ribelli, segnate dalla tisi e dall’alcolismo, dall’isolamento e dalla precarietà economica, provocatorie nei confronti del conformismo e dell’ipocrisia borghese.

Abbiamo già studiato la corrente romantica per l’Italia, andiamo a vedere come si impose sul resto del mondo:

In Francia la poesia romantica conobbe una straordinaria fioritura ed ebbe significative risonanze sul piano mondiale. i romantici rivendicarono il ruolo centrale della soggettività e del biografismo, la ricerca dell’intimità dell’anima, il bisogno di sincerità e il senso profondo della natura. A tale concezione si contrappose il movimento del Parnaso, con il suo modello di poesia come arte pura, libera da ogni virtù pratica  e morale, quale visione spirituale e facoltà di scoprire e contemplare le idee. La rivoluzione più grande fu però compiuta dal Simbolismo di Baudelaire, che inaugurò la poesia come espressione del vissuto e traduzione cifrata sussurrata, da Rimbaud con l’affermazione del ruolo veggente del poeta e da Mallarmé con la ricerca dell’assoluto poetico.

A domani

LL

365 giorni, Libroarbitrio

Corrente degli Spirituali II

Roma 2 febbraio 2013

Realismo e Misticismo

Punti di riferimento costante sono i temi dell’incarnazione e della passione di cristo, che simboleggiano il divario incommensurabile tra la grandezza e la grazia divina e il regime di viltà e di peccato in cui è costretta la  vita umana.

Lo slancio mistico del poeta scaturisce dalla meditazione sul disvalore del mondo e da un desiderio struggente di cantare le divine virtù.

La cruda  rappresentazione , che attinge spesso toni realistici, del peccato e del male si combina con il fervore contemplativo che accompagna la preghiera e l’esaltazione della bontà divina. Soccorre certamente il poeta, per questo verso, l’esperienza della poesia d’amore, che si esprimeva in termini di contemplazione e di ineffabilità. La visione di Dio come amore e il riconoscimento della impossibilità di esaltarne adeguatamente l’essenza, se non attraverso la forma negativa del timore e della confessione della propria incapacità, sono princìpi comuni anche alla tradizione più antica del pensiero mistico cristiano risalente  a S. Agostino.

Ma la sua lauda rifiuta lo stile sofisticato della lirica profana e il tono solenne richiesto dalla tematica teologica, per attingere invece i modi espressivi della tradizione giullaresca!

A domani

LL