365 giorni, Libroarbitrio

GIANLUCA PAVIA & LIE’ LAROUSSE/2dR – SAVE THE DATE

 

AVETE PIU’ DI UN’OCCASIONE PER VENIRE A CONOSCERCI, NON PERDETELA

DuediRipicca

PROMO APPUNTAMENTI NOVEMBRE DICEMBRE

Annunci
365 giorni, Libroarbitrio

2dR ART GALLERY @ THE PUBLIC HOUSE ROME – SAVE THE DATE 24 NOVEMBRE 2017!

E intanto che stiamo allestendo per
l’INAUGURAZIONE di 
VENERDI’ 24 NOVEMBRE della nostra prima
                           2dR ART GALLERY @ The Public House nel cuore di Roma,
ringraziamo Santo Trastevere per l’aperitivo letterario di domenica,
Il Romanista, nello specifico il Responsabile Cultura & Spettacoli Pier Paolo Mocci
per la collaborazione al quotidiano
e il nostro articolo dedicato a Flavio Solo “Artista Supereroe”,
ricordandovi gli appuntamenti I Martedì della Natura,
e il finissage INTRAPPOLANIMA della fotografa Sara Teodori,
presso il birrificio romano Eternalcity Brewing, che aprirà il mese di dicembre, che altro dirvi?
CONTINUATE A SEGUIRCI!
Gianluca PaviaLié Larousse/2dR
365 giorni, Libroarbitrio

La città sulla riva delle nuvole – Giancarlo Ascari

novembre Pisa-Lucca 2015

Nella grande e antica città di Smeralda viveva un astrologo di nome Alcabizio.
Tale era la sua fama della sua bravura che re, mercanti e mendicanti
facevano la coda fuori dalla sua casa per consultarlo. Ma
non tutti i re e i mercanti ricevevano la stessa attenzione
che l’astrologo destinava ai mendicanti.
Nel silenzio della notte Alcabizio
scrutava il cielo e le stelle
per scoprirne i segreti.
Intanto di là del mare una ragazza lavorava in un supermarket.
Un taxista aspettava i clienti pensando alla prossima rata del mutuo da pagare.
Ragazzi guardavano un film di paura mangiando popcorn.
Due innamorati si baciavano al parco, masticando lo stesso chewing gum rosa.
Poliziotti vigilavano sul mondo, dopo aver bevuto un caffè lungo.
Quando la notte si faceva fonda e buia,
una fredda coperta di smog si posava sulla città silenziosa,
attraversata solo da gatti neri come la pece.
Poco prima dell’alba Alcabizio consultava gli astri delle torri di Smeralda.
E intanto cercava di capire da dove arrivasse quell’odore aspro e forte.
Di supermarket,
di taxi,
di mutuo da pagare,
di popcorn,
di chewing gum rosa,
di caffè,
di smog,
di gatti,
di pece,
che il mare portava di notte.

365 giorni, Libroarbitrio

“Futuro” Billy Collins

Fabian Perez - SABA ON THE STAIRS

Quando alla fine ci arriverò –
e ci vorranno molti giorni e molte notti –
mi piace pensare che ci saranno altri in attesa
e che vorranno perfino sapere com’era.

E così mi abbandonerò al ricordo di un cielo particolare
o di una donna con un accappatoio bianco
o della volta in cui ho visto uno stretto molto angusto
dove si era svolta una famosa battaglia navale.

Poi squadernerò su un tavolo
una grande mappa del mio mondo
e spiegherò al popolo del futuro
dagli abiti sbiaditi com’era –

come le montagne si alzavano tra le valli
e questa era detta geografia,
come le navi cariche di merci percorrevano i fiumi
e questo era detto commercio,

come il popolo di questa zona rosa
si spostava in questa zona verde chiaro
e come si incendiava e uccideva chiunque trovasse
e questa era detta storia –

e loro ascolteranno, con lo sguardo gentile e in silenzio
mentre altri arriveranno ad unirsi al cerchio,
come onde che non si allontanano,
ma si muovono verso un sasso lanciato in uno stagno.

365 giorni, Libroarbitrio

“La Quercia” Basho

Convolvolo

Sul sentiero di montagna
qualcosa di grazioso,
un ciuffo di violette.

Nobile è colui 
che non dai lampi capisce
la vanità delle cose!

Eccomi, sono un uomo
che mangia il suo riso

seduto tra i convolvoli.

Di tanto in tanto le nubi 
concedono riposo
a noi che guardiamo la luna.

Se a un peperone
mettete le ali

ecco una libellula rossa.