365 giorni, Libroarbitrio

Walt Whitman “Le più belle poesie”

Roma 24 marzo 2014

walt-whitman

Ohimè! O vita!

Ohimè! O vita! Per queste domande sempre ricorrenti,
per la folla infinita di fedeli, per le città  piene di sciocchi,
per il mio continuo rimproverarmi (poiché che è più sciocco di me
e più infedele?),
per gli occhi invano assetati di luce, per gli oggetti perfidi,
per la lotta sempre rinnovata,
per gli scarsi risultati di tutti, per le sordine folle che vedo
attorno a me avanzare con fatica,
per gli anni inutili e vuoti  di coloro che rimangono,
con il resto di me avvinghiato,
la domanda, Ohimè! Così triste, così ricorrente – cosa c’è
di buono in tutto questo? Ohimè! O vita!

(Risposta) Che tu sei qui – che la vita esiste, e l’identità,
che il potente spettacolo continua, e tu puoi contribuire
con un verso.

***

Quando i lillà fiorirono l’ultima volta  nel prato davanti a casa

Quando i lillà fiorirono l’ultima volta  nel prato davanti a casa,
e la gran stella si tuffò presto nel cielo d’occidente, a notte,
io presi il lutto e sempre lo prenderò, ogni volta che torni primavera.
Primavera che sempre ritorni, certo una trinità tu mi porti,
lillà perennemente in fiore e stella che cala ad occidente,
e il pensiero di colui che amo.

O stella possente che cali a occidente!
O ombre della notte – o malinconia notte di lacrime!
O grande stella scomparsa – o nera tenebra che la nascondi!
O mani crudeli che mi trattenete impotente – o anima mia indifesa!
O nuvola severa che mi circondi e non vuoi liberare la mia anima.

Scritta alla morte di Lincoln

A domani
Lié Larousse

Annunci
365 giorni, Libroarbitrio

Georg Trakl “Canto della sera”

Roma 8 novembre 2013

Georg Trakl

A sera, andando per sentieri bui,

le nostre scialbe immagini ci appaiono.

Quando ci coglie sete

beviamo l’acqua chiara dello stagno,

dolcezza della nostra triste infanzia.

Morti sostiamo sotto il cespuglio di sambuco,

scrutiamo i grigi gabbiani.

Nubi di primavera sovrastano la cupa città

che tace età più nobili di monaci.

Quanto è passato

da quanto presi le tue mani gracili

e alzasti gli occhi tondi, dolcemente.

Ma se cupa armonia penetra l’anima, tu appari,

chiara nel paesaggio d’autunno dell’amico.

Da Georg TraklLe più belle poesie, a cura di Giorgio Luzzi, Crocetti, Milano 1993

A domani

Lié Larousse