365 giorni, Libroarbitrio

Joga – Bjork

 

All these accidents that happen    
Follow the dot  
Coincidence makes sense       
Only with you
You don’t have to speak
I feel  
Emotional landscapes
They puzzle me
Then the riddle gets solved
And you push me up to this
State of emergency
How beautiful to be        
State of emergency
Is where I want to be…

 

365 giorni, Libroarbitrio

Hulda “Desiderio”

Roma 14 dicembre 2013

Unnur Benediktsdottir Bjarklind

Oh, se avessi le sue ali, vento,
e se potessi sfrecciare senza indugio sulla via
saprei bene dove dirigere il mio volo.

E se sedessi su, su queste nubi quiete
che corrono per l’universo azzurro
saprei bene dove far correre il mio sguardo.

Se potessi comporre, sorgente, un canto
con la tua voce
tenero e dolce da far scorrere lacrime
saprei a chi far udire il mio canto.

Se potessi sorridere dolcemente come stella,
sorridere luminosa da commuovere chiunque;
saprei a chi mandare un sorriso d’amore.

E se avessi una mano tanto calda  e forte e tenera
da carezzare via dolore e rimpianto
saprei chi guarire e sostenere.

Vedo e sento dove l’anima mia vorrebbe dirigersi
se il desiderio profondo del cuore potesse decidere;
so che volerebbe senza indugio in seno a te.

Hulda “la nascosta”, pseudonimo e nome parlante di Unnur Benediktsdottir Bjarklind, è in Islanda la prima donna che riesce a farsi spazio in un universo letterario esclusivamente maschile.

Nei lavori di Hulda è riconoscibile un doloroso percorso di crescita: nel primo libro Poesie, la voce è quella di una donna che non dubita delle proprie possibilità, ma che, se pure piena di aspirazione e di ideali, percepisce una limitazione, ancora non ben messa a fuoco; incompresa, inascoltata, spesso si paragona a un uccello dalle ali tappate, e il suo sogno di libertà è simile a un volo.

Questo post lo dedico alla mia Josephine, augurandole di volare sempre più lontano. Sempre più lontano.

A domani

Lié Larousse