365 giorni, Libroarbitrio

Non sei – 2dR

Copertina Libroarbitrio pagina fb

Non sei
Di un genitore
Di un uomo la donna
Di una donna l’uomo

Non sei
Dello Stato servo
Del lavoro schiavo
Della religione fedele

Ma sei
La scelta sbagliata
La direzione inversa
Il tentativo fallito

Sei
La follia che impazza libera
Le ali per la fuga
L’assassino a piede libero di te stesso

Sei libero
Di essere
Chi sei

Annunci
365 giorni, Libroarbitrio

“Se solo io. Ciuf. Ciuf. Niente conta.” L.L.

Bimbi e rotaie

Niente conta.

Vedi ci sono binari sul soffitto.

Il ciuf ciuf corre lungo il davanzale di quest’unica finestra.

E m’affaccio. Raccolgo fiori da un suolo senza terra né seme né acqua.

Bugie. Bugie e strazio.

Non ci bere da lì.

Nuvolette di vapore.

Ciuf. Ciuf.

Ciuf. Ciuf.

Ma guardalo che c’è. Mica è immaginario!

Quanto scotta il carbone.

Come l’oro in moneta straccia.

Come i palmi delle sue mani mentre avide lo stringono e se ne affamano.

– Aho  macché te sei messa in testa? Nun sei te che decidi se lo voi o nullo voi fà!-

Vabbenevabbenevabbenevabbene

Niente.

Non ho nulla in testa.

Pulita la mia testa.

Poi però per un po’.

Ho trovato un modo almeno.
Per non sentire le loro dita trapassare i fili della corrente.
Capelli di sangue.
E li ho annodati con l’uncinetto.

E per quel po’ ho creduto di aver vinto.

Ma quando fra tutti è tornato lui ho capito che era cosa inutile.

Affranta avvinta sconvolta disgustata terrorizzata

Li ho snodati e fatti ricrescere.

E m’affaccio. E raccolgo fiori dipinti su mattonelle stuccate in pavimenti gelidi.

Perché.

Ciononostante.

Non lo distolgo lo sguardo.

Se io solo potessi salvarli da loro stessi.

Ma non ne sono capace.

Già all’inizio.

Alle lettere dell’alfabeto.

Ma quando è arrivata la coscienza.

Tutto è andato in frantumi.

E loro avevano così bisogno di me.

Ed io così bisogno della loro pena.

E m’affaccio raccogliendo fiori dai petali di polvere nera e steli d’acido melmoso rimasuglio di vecchi bicchieri lungo binari di carne.

Ciuf ciuf dicono le mie labbra insanguinate.

Ciuf ciuf stringono le mie mani insanguinate.

Se solo io fossi capace di salvarli da loro stessi.

Se solo io non fossi la bambina mostruosa che sono.

Se solo io.

So per certo che li salverei tutti.

E invece stanno morendo come i soldati che non vogliono fare la guerra

uno ad uno

colpiti in faccia da un proiettile di cui non hanno sentito l’avvicinarsi.

Poveri.

A volte siamo un giorno senza luce
assassini amatoriali
ispirati dall’odio che zampilla
in gocce di barbiturici fuori produzione,
maledette case farmaceutiche,
ma niente conta vero?

L.L.

365 giorni, Libroarbitrio

Pier Paolo Pasolini “Me ne vado, ti lascio nella sera”

Roma 19 ottobre 2013

Me ne vado, ti lascio nella sera

che, benché triste, così dolce scende

per noi viventi, con la luce cerea

che al quartiere in penombra si rapprende.

E lo sommuove. Lo fa più grande, vuoto,

intorno, e, più lontano, lo riaccende

di una vita smaniosa che del roco

rotolio dei tram, dei gridi umani,

dialettali, fa un concerto fioco

e assoluto. E senti come in quei lontani

esseri che, in vita, gridano, ridono,

in quei loro veicoli, in quei grami

caseggiati dove si consuma l’infido

ed espansivo dono dell’esistenza –

quella vita non è che un brivido;

corporea, collettiva presenza;

senti il mancare di ogni religione

vera; non vita, ma sopravvivenza

– forse più lieta della vita – come

d’un popolo di animali, nel cui arcano

orgasmo non ci sia altra passione

che per l’operare quotidiano:

umile fervore cui dà un senso di festa

l’umile corruzione…

da Le ceneri di Gramsci

Buona lettura

A domani

LL