Le tre fasi degli spazi vuoti – Edvard Munch

Che il pezzo di carbone più grosso si rompe facilmente Se trovi la venatura e martelli con l’angolo giusto. Il suono di quel colpo rilassato e lusinghiero, La sua cooptata e obliterata eco, Mi hanno insegnato a colpire, insegnato a smettere, Insegnato tra il martello e il pezzo di carbone A far fronte alla musica. […]

La quiete prima della tempesta – Lindze

Guardo le nuvole che si addensano dalla finestra della mia cucina. Incombono, si fanno sempre più scure, minacciose. Una lama di luce riesce a penetrare quella coltre e cade disperata rischiarando qualche anfratto di questo cesso di periferia. In alto, un gruppo di gabbiani vola in tondo, si lanciano versi aggraziati, poi, d’improvviso si dividono . […]

I MIGLIORI – Lindze

Non c’è più. Una notte di quiete. Due uomini poggiati sulla ringhiera di un attico una periferia disastrata. Bicchieri di alcol e fumo di sigarette a sostituire parole che tanto non verranno pronunciate. Sguardi lucidi, fissi nel buio. Neanche ci provano a trafiggere, a capire quelle tenebre. Silenzio, per condividere quello che non si vuole […]

Reminiscenze – Tudor Arghezi

Vengono, eccoli, sempre da soli verso di me tutti i frantumi, briciole slabbrate ed intere di cose che stenti a capire. Sono come li ho dimenticati da quando si sono addormentati: un vecchio cimitero di bambole. Ora cominciano a muoversi, a prendere corpo dall’ombra e da un brusio come d’alveare, e si ricompongono a poco […]

Una notte – Umberto Bellintani

Nella notte ho stramaledetto dio veramente e con folle rabbia, una lava rossa e nera che mi saliva dal profondo delle viscere. Ho preso una mosca e l’ho portata al ragno, più per vedere la cosa che per pietà del ragno. E nella notte ripetevo quello che avrei scritto giunto a casa e giunto a […]

“Febbre” Sylvia Plath

Paura? Cosa vuol dire? Le lingue dell’Inferno sono ottuse, ottuse come la tripla lingua dell’ottuso, grasso Cerbero che anela sulla porta. Incapace di sanare leccandolo l’infiammato tendine, il peccato, il peccato. Sfrigola l’esca da fuoco l’indelebile puzza di candela soffocata! Si srotolano, o amore, i bassi fumi da me come le sciarpe di Isadora, ho […]

“La Casa di Dio” Henrik Nordbrandt

“Avevo afferrato un lembo di Dio nel vuoto ma la mia mano scivolò” Matteo 9,20 <<Ana ‘al haqq>>, dicono i sufi: <<Io sono Dio>>. E questo è per loro il massimo riconoscimento, perché Dio creò il Mondo come un mondo di specchi nel quale ammirare la propria bellezza. Quando lo vedo consegnare una delle sue […]

“E tu che hai nella bocca le dolcezze” Muhammad

E tu che hai nella bocca le dolcezze uno dei tuoi malati ti domanda, che dalla bocca tua ne beva un sorso. Quando sarà per lui l’ora del sonno, ché ai tuoi quegli occhi suoi tolsero il sonno? Quanta guerra per te, notte su notte, e quanti assalti disperati. Quanti per me i desideri di […]

“Le Lettere” Sharon Olds

La macchina entrò nel vialetto al crepuscolo e si fermò. La donna scese sotto i giganteschi alberi neri, andò in giardino e sentì che c’era qualcuno, qualcuno furioso. Gli alberi erano inzuppati di oscurità e i germogli cacciavano fuori i loro coltelli. Rimase fuori del suo giardino e vide come i fusti flettevano i loro […]

“Al mare canto” Shakespeare

Coloro che sono i favoriti  delle stelle si vantino di pubblici onori e titoli superbi mentre io, cui fortuna simili trionfi nega, gioisco in disparte di ciò che più onoro tu sei tutta la mia arte, e innalzi in alto sapere la mia rozza ignoranza, e come può mancare alla mia Musa l’invenzione finché tu […]