PADRE NOSTRO CHE SEI SEI SEI – GIANLUCA PAVIA

Padre Nostro che sei
non si sa bene dove,
sia rintracciato il tuo numero
che devo dirti un paio di cose.
Ci hai spedito quaggiù
senza libretto d’istruzioni,
rinchiusi nello zoo terrestre
con sbarre di libero arbitrio
e una serratura di coscienza.
Noi siamo andati
e ci siamo riprodotti
ma ancora non ci hai spiegato
come stare insieme,
e allora ci scambiamo zanne e artigli
sul pelo e sul cuore,
così,
come segno di pace.
La Terra Promessa è stata data
a qualche raccomandato
di assunzioni in cielo non se ne vedono
ma neanche in terra, sta tranquillo
e le Tue piaghe hanno colpito

ma solo quelle di decubito
sul culo
di chi adora l’idolo satellitare.
Su, dì la verità
non ti siamo venuti un granché bene:
qui nessuno rimette i debiti
e il Diavolo è il più grande creditore,
ma riguardo alle tentazioni
beh,
lì ce la caviamo benissimo da soli.
Ma ormai è palese
serve un altro diluvio
e se ce lo mandi giù
di vodka e Campari
non serve neanche l’Arca,
non vorrei s’inchinasse
al Dio sbagliato.
Ehi, ma mi senti?
Forse che nell’alto dei cieli
il segnale non prende?
Fa niente,
proverò più tardi
ma ti prego,
ti prego la prossima volta
non darci anime di cristallo
ricoperte di piombo fuso.

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Ed eccoci freschi di stampa per la MIRAGGI EDIZIONI!!!

cover Spietate speranze & .LIE'.
In attesa di scaffali e banconi potrete acquistare le primissime copie già il 10 giugno a Napoli all’Archeobar Caffè letterario durante il Live reading che si terrà per la mostra “INFOGLIAMOCI” personale di Salvatore Graf con gli amici del Premio Racconti nella Rete 2016 , e il collettivo Extravesuviana; e il 16 giugno a Roma presso la Mondadori Store all’Eur dove gli autori firmeranno le copie e vi parleranno di queste due nuove raccolte di poesie: “Spietate speranze” di Gianluca Pavia e .Lié. di Lié Larousse, scritte questa volta singolarmente, il tutto con un POKER D’INCUBI più che servito…
https://www.amazon.it/PokerdincubiDuediRipicca/dp/8893330644

Fotografie di Gabriele Ferramola
www.gabrieleferramola.it

Gianluca Pavia – Lié Larousse
DuediRipicca   
#spietatesperanze
Miraggi Edizioni

 

TRABALLA L’ORIZZONTE – Gianluca Pavia

vladimir kush vita memoriae

Ansia e paranoia
tessono i loro fili,
ragnatele di paura
ad impiastrare occhi
ed arti,
con l’insicurezza
che zampetta tra i neuroni.
Un vuoto d’aria si spalanca
ma è solo la vertigine
del panico,
e le pareti giocano a ping pong,
la tua testa come pallina.
In corridoio ti blocchi
piegato sulle ginocchia,
devi vomitare
devi respirare,
devi fare qualsiasi cosa
una qualsiasi
ma non sai cosa.
Gracchiano le cornacchie
sull’orizzonte che traballa
nonostante le certezze
con cui puntellare la vita.
Il tuo nome
il suo sudore
la password non valida
e i dati per recuperare
l’irrecuperabile.
Traballa l’orizzonte
e non vedi più oltre,
e rimani così
un fiammifero nel vento.

G.P.
DuediRipicca
#VLADIMIRKUSHVITAMEMORIAE

L’ESTATE STA ARRIVANDO E I NOSTRI NUOVI LIBRI PURE!!!

SPIETATE SPERANZE di Gianluca Pavia, e .LIE’. di Lié Larousse, raccolte di poesie, pensieri, fotografie, punti e virgole, saranno in uscita nelle librerie, nei bar e sotto il vostro ombrellone dal 7 giugno per i mitici MIRAGGI EDIZIONI.

Intanto potete farvi un giro qui nel nostro sito e curiosare, ma soprattutto già potete prenotare la vostra nuova copia!
POKER D’INCUBI lì terrà sotto braccio in tutti i LIVE READING perciò continuate a seguirci a spasso per l’Italia.
Prossima città in arrivo …
 
Omaggio di Flavio Solo al Hugo Pratt _ Ostia 2015 _
insta@flaviosolo
Fotografie di Gabriele Ferramola
MIRAGGI EDIZIONI
 
Un grazie speciale a “Benjamin” Jonathan Christopher Bone e a tutti gli amici della grande famiglia del The Public House
Gianluca Pavia/Lié Larousse

SUBURRA – DANIEL MENDOZA – STREET LABEL RECORDS

—  SUBURRA —

Un pezzo sociale più che un pezzo politico
Critica l’effimero, il razzismo, l’ignoranza, l’apatia e il “malaffare”.
E’ un brano duro e senza mezzi termini,
poco incline a intrattenere e più idoneo a far pensare.
 “Suburra”, con un chiaro riferimento al film di Sollima, é il secondo estratto da “Rivincita”, uno dei dischi più potenti e massicci sfornati dalle cantine Street Label Records da Daniel Mendoza. Il brano, tipicamente hardcore seppur con una struttura sonora classica, maneggia il tema della strumentalizzazione e dell’individualismo tipico dei giorni nostri. Una componente tutta Italiana, che porta la gente a seguire la massa, a criticare il sistema senza però mai porsi in posizione antagonista nei confronti di soprusi e ingiustizie. Un’epopea dell’indignato che ingoia nell’accettazione passiva.
daniel_2

Daniel Mendoza, attraverso un ormai consolidato stile lirico fatto di metafore e immagini forti, accompagna il brano a un video clip che ne valorizza gli aspetti conscious. Curato da Virginia Pavoncello (Second Life Records), il video si ambienta in luoghi simbolici come ad esempio centri di accoglienza e sale slot alternando la bellezza di Roma alle periferie più degradate. Una fusione fra il bene e il male, metafora del quotidiano Italiano.

 

FORSE SI – DuediRipicca

L'immagine può contenere: una o più persone, nuvola, cielo, oceano, scarpe, spazio all'aperto e natura

Non devi, per la tua esistenza
essere grato a nessuno,
nemmeno specchiarti
per piacere ad alcuno,
forse sì, parlare a te stesso
e vedere se lì dentro
c’è ancora qualcuno.
Non devi piccarti le labbra
saggiando la lama,
né sfiorare l’ipossia
per raggiungere la cima,
concediti il lusso
di un salto nel vuoto.
Abbandonato alla corrente
giù, in picchiata
volando volendo cadere
e frantumarti al suolo
e forse sì,
startene un po’ così
fermo.
Le ferite aprono lente la carne
lento ne rivola fuori il sangue,
scorticato nasce un livido
la gestazione del tuo dolore
cauterizzato dallo scandire
dell’istante che va.
Sorriderai,
non in cima, ma sulla strada
per andare dove vai
per essere chi sei,
anche se forse
ancora non lo sai,
o forse sì?

.ancora e ancora adesso. – Lié Larousse

pittura-sogni-realismo-surreale-eric-roux-fountaine-4.jpg

.e intanto qui
finisce tutto così
e non c’è più tempo
per le fatiche di una vita
i ripensamenti
chissà a che pensi
mentre muori
finisce tutto così
e non c’è più tempo
di salutarci dirci a presto
magari a domani
domandandoti se starai meglio
domandandomi se resto ancora e penso
ad ogni mio sorriso e a quanto pensarlo
ti faccia sorridere ridere ancora adesso
e allora ci rideremo su domani
ancora e ancora adesso
in questo mondo
o in un qualsiasi altro
e finisce tutto così
sorridendoti.

L.L.
DuediRipicca
#ERICROUXFONTAINE

NESSUNO TI UCCIDE COME CHI ABITA IL CUORE – GIANLUCA PAVIA

Roberto Ferri Delizie Infrante

Nessuno ti uccide
come chi abita il cuore
e non sono schiaffi
pugni
lame o spranghe,
ma parole ben calibrate,
raffiche plurisillabiche
esplose alla schiena
quando meno te lo aspetti.
Niente è così letale
quanto
emozioni serbate a lungo
nella giusta bandoliera,
fino a farsi
munizioni di rancore,
sventagliate che crivellano l’anima
inchiodandola
alla cruda realtà.
In verità
nulla può ucciderti
perché la vita
tira su a piombo
e kevlar;
quindi, la prossima volta
che prendano bene
la mira,
qui
in mezzo agli occhi
fissi ben oltre
killer e mandanti,
sull’orizzonte
e un’altra alba da sopravvissuto.

G.P.
DuediRipicca
#ROBERTOFERRIDELIZIEINFRANTE

 

POKER D’INCUBI E’ AL SALONE INTERNAZIONALE DEL LIBRO DI TORINO UN DOPPIO APPUNTAMENTO CON GIANLUCA PAVIA & LIE’ LAROUSSE – 2dR –

Presso lo stand G130, Padiglione 2, Alter Ego Edizioni e Augh Edizioni fino al 22 maggio, e oggi alle 17:20 saremo ospiti con il Premio letterario Racconti nella Rete al “Superfestival” la prima vetrina dei Festival culturali ospitata all’interno della XXX edizione del Salone del libro di Torino. Saranno presenti il Presidente del Premio Demetrio Brandi ed alcuni autori vincitori del premio che parleranno della loro esperienza letteraria e dei racconti inseriti nell’antologia Racconti nella Rete edita da Nottetempo. Brandi illustrerà la nuova edizione del premio riservato a racconti brevi e soggetti per cortometraggi.
Vi ricordiamo che il termine ultimo per l’invio del materiale al Premio Racconti nella Rete 2017 è il prossimo 31 maggio
Gianluca Pavia Lié Larousse DuediRipicca

COLORATA APOCALISSE – Personale di Pelin Santilli

Pelin Santilli
INCONTRO CON L’ARTISTA PELIN SANTILLI
QUESTO POMERIGGIO DALLE 18
ALLA PARIONE9 GALLERY DI ROMA
 
La mostra raccoglie diverse opere dell’eclettico artista realizzate su vari supporti, dalla carta fino alla manipolazione fotografica, e che presentano un immaginario di personaggi poetici e terribili, svelando, attraverso colori accesi e vibranti, una contemporanea apocalisse.
Pelin Santill, Esponente della low-brow art italiana definisce il suo immaginario come quello di un “rivoluzionario nato nel 1917”. Le sue creazioni sono il risultato di un multistrato simbolico ispirato alla cultura popolare, alla propaganda politica e alla tattoo culture, espresso attraverso figure affascinanti e macabre.
 
Colorata Apocalisse è la mostra personale di Pelin Santilli a cura di Marta Bandini e Elettra Bottazzi in programma dal 19 maggio al 6 giugno 2017
INGRESSO GRATUITO
 
Parione9
via di Parione 9, 00186 Roma (piazza Navona)
+390645615644
parione9@gmail.com
 
VI ASPETTIAMO!