La Penna – Raymond Carver

La penna

La penna che diceva la verità
è finita in lavatrice, per tutta
ricompensa. Ne è uscita
un’ora dopo ed è stata buttata
nell’asciugatrice insieme ai jeans
e a una camicia da cowboy. Sono passati
giorni e se ne è stata buona buona
sulla scrivania sotto la finestra. Posata lì,
credendo d’essere finita.
Senza neanche un’opinione
che potesse dire sua. Non aveva più voglia
di andare avanti, anche se le sarebbe piaciuto.
Ma una mattina, un’ora o poco più
prima dell’alba, è risorta
e ha scritto:
“I campi umidi dormono sotto la luna”.
Poi s’è fermata di nuovo.
La sua utilità in questa vita
chiaramente giunta al termine.

Lui l’ha scrollata e l’ha anche sbattuta
sulla scrivania. Poi ci ha fatto una croce
sopra, o quasi.
Eppure, ancora una volta, con gran
fatica, la penna ha chiamato a raccolta
le sue ultime risorse. Ed ecco cosa ha scritto:
“Una brezza leggera e, oltre la finestra,
alberi a nuoto nell’aria dorata dell’alba”.

Lui ha tentato di scrivere qualche altra cosa
ma non c’era più verso. La penna
ha smesso per sempre di funzionare.
Ben presto è finita
nella stufa insieme a tanti altri
rifiuti. E tempo dopo
è stata un’altra penna,
una penna senza particolari distinzioni
e che non era stata ancora messa
alla prova, a scrivere senza difficoltà:
“L’oscurità s’addensa tra i rami.
Resta in casa. Stattene tranquillo.”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...