“Quiché” poesia Maya

nebulosa

Questa è la narrazione
di come tutto stesse nello spazio,
tutto nella quiete e nel silenzio;
immobile tutto, e nel silenzio,
mentre era vuota l’immensità del cielo.

Questa è la prima narrazione,
il primo racconto.

Ancora non c’era un uomo,
né un animale, o volatili o pesci,
crostacei, alberi,
pietre, caverne, precipizi,
né erbe né boschi.

Solo il cielo esisteva.

Non c’era nessun indizio di terra,
ma soltanto il mare tranquillo,
e il cielo nella sua totale estensione.

 Nulla c’era di raggruppato, che emettesse un suono,
né cosa alcuna che si muovesse,
né si agitasse,
né producesse rumore nel cielo.

Popolo Vub

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...