Teresa Wilms Montt “Inquietudini sentimentali”

Roma 29 novembre 2013

Teresa Wilms Montt

IX

Con il capo reclino fra le braccia, in affannosa insonnia,
ripeto, come un bimbo, una prece: il tuo nome.

Sì, Anuarì, ho tanta voglia di dormire; provo lo stesso languido
sopore che turbò la tua anima prima che eternamente
si estinguesse il tuo sguardo adorato.

Come in un’orazione, le mie labbra van ripetendo, sillaba
per sillaba, il rosario sgranato del tuo nome, e le mie
mani giacciono protese al nido tiepido dei tuoi capelli
per cercare un rifugio ove morire. Anuarì! Anuarì!

Simili al brulicare di una fonte sgorgano dal mio seno
implorazioni e grida di dolore. Il caos le inghiotte tutte,
prima che possano arrivare a te. (…)

Senza di te la vita è qualcosa di tetro, un ignobile straccio
che mi segue.

Da “Poesia”, n.229, luglio/agosto 2008, traduzione di Cristina Sparagana.

“Con le palpebre chiuse, alte le braccia, quasi in mistica unzione, l’anima mia si volse verso il cielo implorando il riposo così atteso” 

A domani
Lié Larousse

 

Annunci

Un pensiero su “Teresa Wilms Montt “Inquietudini sentimentali”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...