365 giorni, Libroarbitrio

Eduardo De Filippo poeta, attore e commediografo (prima parte)

Roma 29 ottobre 2013

Eduardo De Filippo

E’ notte 

Tutt’è silenzio dint’a sta nuttata

nun se sente nu passo ‘e cammenà.

Nu ventariello tutta na serata

pare ca me vuleva accarezzà…

E finalmente chiagno! Tu non vide,

tu staje luntano, comme ‘o puo’ vedè?

Però t’ ‘o ddico pecché tu me cride

e si me cride, chiagne nzieme a me!

Scenne  stu chianto lento, doce doce,

nun aizo na mano p’ ‘asciuttà.

Io strillo pe’ te fa’ sentì sta voce,

ma tu non puo’ sentì…c’allùcco a ffa’?

Tutt’è silenzio…ncielo quanta stelle!

Affaccete, tu pure ‘e ppuo’ vedè:

songo a migliare, e saie pecché so’ belle?

Pecché stanno luntano, comm’ ‘a tte!

A domani

Lié Larousse