Anna Achmatova “Dedica”

Roma 4 ottobre 2013

 

Marzo 1940

Davanti a questo dolore si curvano i monti,
non scorre un grande fiume,
ma sono solide le serrature del carcere,
dietro di esse i “covi dei forzati”
e una malinconia di morte.

Per qualcuno alita un vento fresco,
per qualcuno languisce il tramonto,
non sappiamo, siamo ovunque le stesse,
sentiamo solo l’odioso scricchiolìo delle chiavi
e i pesanti passi dei soldati.

Ci alzavamo come per una messa mattutina,
camminavamo per la capitale inselvatichita,
là ci incontravamo, più esanimi dei morti,
il sole più basso, la Nevà più nebbiosa,
ma la speranza canta sempre in lontananza.

La condanna…

E subito scorrono le lacrime,
da tutti ormai allontanata,
la vita è come strappata dolorosamente dal cuore,
come gettata  brutalmente supina,
ma va avanti…

Barcolla…

Sola.

Dove sono ora le amiche occasionali
dei miei due anni infernali?
Che cosa scorgono nelle nevi siberiane?
Cosa intravedono nel disco lunare?

A loro mando il mio addio.

A domani

LL

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...