Fedor Dovstoevskij l’ultimo grande scrittore realista dell’Ottocento

Roma 26 agosto 2013

Fedor Dovstoevkij scrittore

Nato  a Mosca  nel 1821, figlio di un medico, Fedor Dovstoevskij  crebbe in una famiglia di idee chiuse e autoritarie.

Iscritto alla scuola del Genio militare di Pietroburgo, si diplomò nel 1843 ma rinunciò alla carriera militare per dedicarsi alla scrittura.

Nel 1846 pubblicò il primo romanzo, Povera gente, che ebbe un buon successo di pubblico.

Nel 1849 la sua carriera fu momentaneamente troncata dalla vicenda che condizionò tutta la sua vita successiva: l’arresto e la condanna a morte da parte del regime zarista per aver aderito a un circolo di intellettuali socialisti.

Il giorno stesso dell’esecuzione fu graziato dallo zar  e la condanna fu tramutata in quattro anni di lavori forzati in Siberia e quattro anni di servizio militare  successivo.

Scontata la pena e convertitosi a idee meno progressiste in politica, si accostò con grande slancio alla dottrina cristiano-ortodossa in campo religioso.

Le ristrettezze economiche e il cattivo stato di salute , segnato da continui attacchi epilettici, resero gli anni seguenti della sua vita molto duri.

Nel 1857 si sposò con una giovane vedova (che morì sette anni dopo)  e riprese la sua attività di scrittore.

Fu narratore molto prolifico e scrisse numerosi romanzi, tutti di grande successo, uno dei quali in particolare, Delitto e castigo 1886, lo fece conoscere al pubblico di tutta Europa.

Queste opere, tuttavia, non gli procurarono l’agiatezza economica.

Dovstoevskij, dopo essersi sposato in seconde nozze con la sua segretaria, a causa di  dissesti economici dovuti anche alla sua passione per il gioco d’azzardo, fu addirittura costretto  a fuggire dai suoi creditori, viaggiando per cinque anni in Germania, Francia, Svizzera e Italia.

In questo periodo scrisse L’idiota 1868-1869.

Tornato in Russia  nel 1783, proseguì l’attività di romanziere, pubblicando I demoni  e altri lavori di grande impegno e successo.

L’ultimo grande romanzo fu I fratelli Karamazow  1879-80, terminato  un anno prima della morte , avvenuta improvvisamente a Pietroburgo nel 1881.

Dovstoevskij è considerato l’ultimo grande  scrittore realista  dell’Ottocento  e insieme il precursore del romanzo del Novecento.

La sua scrittura infatti , riprende i temi della narrativa realistica  e del romanzo popolare , ma introduce un importante elemento di analisi e di intuizione psicologica dei personaggi, di seguito le opere principali:

Il sosia 1846

Le notti bianche 1848

Umiliati e offesi 1862

Memorie dal sottosuolo 1865

Il giocatore 1867

L’adolescente 1875

A domani

LL

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...