Anton Cechov e i suoi racconti grotteschi e surreali sulla società

Roma 9 agosto 2013

Anton Cechov scrittore

Anton Cechov dedicò l’intera sua vita all’attività letteraria.

Convinto assertore dell’impegno sociale in uno stato, la Russia della seconda metà dell’Ottocento, dove gran parte della popolazione viveva in condizioni di miseria e semi-schiavitù, Cechov trascorse volutamente un anno in una colonia penale di deportati in Siberia, per poter scrivere con scrupolosa documentazione un libro-inchiesta sulla condizione  dei condannati ai lavori forzati.

Successivamente acquistò una piccola tenuta di terra  per sperimentare il modo di vita dei contadini  poveri, a beneficio dei quali impegnò i suoi guadagni di scrittore  per costruire scuole, strade ed ospedali.

Nel 1900 divenne membro onorario  dell’Accademia russa degli scrittori, dalla quale si dimise due anni  più tardi  per protestare contro l’espulsione  dalla stessa, voluta dallo zar, dello scrittore Maxim Gorkij.

Morì in Germania nel 1904.

I suoi racconti e le commedie furono molto influenzati dalla riflessione sulla decadenza della società zarista della quale fu un grande accusatore  e le cui miserie quotidiane seppe descrivere con grande capacità di penetrazione, in modo più ironico e grottesco  nella produzione giovanile, più amaro e rassegnato in quella dell’età matura.

“La Decorazione”

Nei racconti Cechov dipinge lo squallore della società russa di fine secolo attraverso quadri impietosi della vita quotidiana, in cui agiscono borghesi arrivisti, burocratici cinici, nobili senza valori ideali, uomini  e donne attenti solo alle apparenze e alla difesa del proprio rango, individui vittime dei pregiudizi e dell’ignoranza del tempo.

Il racconto La Decorazione è stato pubblicato nel 1884.

Vi si riconoscono tratti di comicità, ironia e ridicolaggine dei personaggi, assurde marionette di un teatrino grottesco, quasi surreale.

A domani

LL

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...