Samuel Taylor Coleridge : il poema basato su un sogno

Roma 20 luglio 2013

Da La ballata del vecchio marinaio, Parte quarta

La luna vagabonda salì nel cielo,

mai si fermava,

lentamente saliva, saliva

e qualche  rara stella la seguiva.

Il suo raggio scherniva il mare afoso,

come sparsa brina d’aprile,

ma dove era l’ombra della nave

l’acqua per incantesimo bruciava

d’un rosso accesso.

(…)

Oltre l’ombra della nave

spiavano i serpenti marini;

si muovevano con scie di bianco splendente,

e quando si drizzavano, la magica luce

ricadeva in candidi fiocchi.

Nell’ombra della nave contemplavo

la loro ricca veste: era blu,

verde lucida, nera vellutata;

nuotando si torcevano e ogni scia

era un lampo di fuoco dorato.

(…)

O felici creature! Lingua umana

non può lodare la vostra bellezza…

“Coleridge ha cenato con noi; ha portato la sua ballata finita. Abbiamo  camminato con lui  fino alla casa  del minatore. Una sera bellissima, molto stella, la luna cornuta.”

Così il diario di Dorothy Wordsworth  celebra, il 23 marzo  1798, la composizione  della Ballata del vecchio marinaio.

“Nell’autunno del 1797, Coleridge, mia sorella ed io – racconterà Wordsworth molti anni dopo-  procedemmo lungo le colline  di Quantok verso Watchet; e nel corso di questa passeggiata venne progettato il poema dell’Antico marinaio, basato su un sogno come disse Mr. Coleridge, del suo amico Mr. Cruik-shank”

Samuel T. Coleridge, La ballata del vecchio marinaio,
introduzione di Ginevra Bompiani, Rizzoli 1998

A domani

LL

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...